Gestione dei rifiuti e dei reflui

La produzione di rifiuti è un aspetto ambientale valutato e misurato in tutte le sedi di Ansaldo STS, così come nei cantieri, sia quando si analizzano gli aspetti ambientali della cantierizzazione sia in quelli della realizzazione opere civili e tecnologiche.

La politica di Ansaldo STS è quella di potenziare la prevenzione e le attività di riutilizzo, di riciclaggio e di recupero dei rifiuti. In tutte le sedi di Ansaldo STS sono stati predisposti punti di raccolta in funzione della tipologia e del layout aziendale. Il trattamento dei rifiuti smaltiti, pericolosi e non, avviene per opera di ditte esterne specializzate che prelevano il rifiuto direttamente dall’azienda.

I rifiuti maggiormente presenti nei siti sono: imballaggi in carta, cartone e legno, rifiuti metallici e apparecchiature fuori uso.

PRODUZIONE DEI RIFIUTISITI PRODUTTIVI   SEDI  
 201520162017201520162017
Pericolosi (t) 14,50 13,03 14,86 14,72 15,19 6,53
% recuperati 29% 6% 82% 28% 66% 85%
% smaltiti 71% 94% 18% 72% 34% 15%
Non pericolosi (t) 296,12 77,44 62,74 306,43 1.549,17 816,17
% recuperati 33% 60% 93% 55% 44% 49%
% smaltiti 67% 40% 7% 45% 56% 51%
RIFIUTI TOTALI (t) 310,62 90,47 77,60 321,16 1.564,36 822,70
% recuperati 33% 53% 91% 54% 44% 49%
% smaltiti 67% 47% 9% 46% 56% 51%

 

 

 

Siti produttivi – Nel 2017 sì è ridotta la produzione complessiva dei rifiuti per effetto della riduzione di quelli non pericolosi. È cresciuta inoltre la percentuale dei rifiuti recuperati rispetto a quelli smaltiti. 

Sedi – Si riduce notevolmente nel 2017 la quantità totale dei rifiuti prodotti in particolare di non pericolosi che nel 2016 era concentrata nei siti australiani di Brisbane e Perth. Cresce inoltre la percentuale dei rifiuti recuperati rispetto a quelli smaltiti.

 

 

Gli andamenti sopra descritti si riflettono anche sull’indicatore Chilogrammi di rifiuti prodotti per ora lavorata che si riduce, rispetto al 2016, del 48,0% per effetto della consistente diminuzione dei rifiuti non pericolosi delle sedi e dell’incremento delle ore lavorate. 

Imballaggi: rifiuto e riutilizzo

Tra i rifiuti di Ansaldo STS ci sono gli imballaggi in materiali misti, in plastica, in cartone e in legno (casse). Parte di quelli in legno e plastica vengono riutilizzati per la movimentazione di prodotti similari avendo introdotto una specifica policy in particolare per i magazzini centrali del sito di Piossasco e di Tito Scalo.

Rifiuti Imballaggi inviati a recupero20162017
Imballaggi in cartone [t] 69,63 71,91
Imballaggi in legno [t] 28,20 39,78
Imballaggi in plastica [t] - -
Imballaggi in materiale misto [t] 9,50 9,44

Acque reflue

Le acque reflue prodotte nei siti possono essere classificate, in base al loro utilizzo a monte dello scarico, come domestiche (o a esse assimilabili) e industriali.

Tutti siti di Ansaldo STS producono esclusivamente acque reflue classificate come domestiche o assimilabili ad eccezione dello Stabilimento di Tito.  La totalità delle acque reflue domestiche o assimilabili sono conferite in fognatura. Il sito di Napoli utilizza un impianto di trattamento delle acque reflue di tipo biologico.

Gli stabilimenti utilizzano punti di emissione soggetti ad autorizzazione: nei siti di Batesburg e di Tito Scalo tali punti sono sottoposti a monitoraggio.